Homepage English Version FAQ Link Utili Carta della sicurezza Contatti
Aiuto?
Chi è l'Aiscat
Le Associate
News
News recenti
Archivio 2018
Archivio 2017
Archivio 2016
Archivio 2015
Archivio 2014
Archivio 2013
Archivio 2012
Archivio 2011
Archivio 2010
Archivio 2009
Archivio 2008
Archivio 2007
Archivio 2006
Archivio 2005
Archivio 2004
Archivio 2003
Archivio 2002
Pubblicazioni
Notizie dall'Europa
Eventi
asecap
IBTTA
Io Non Rischio
Contact Center
 Osservatorio Furti e rapine agli autotrasportatori
Soccorso Meccanico
reets
easyway
 
 
30 ottobre 2019

AISCAT: LA NUOVA NORMA SULLA DEDUCIBILITA’ FISCALE DEGLI AMMORTAMENTI RISCHIA DI CAUSARE UN BLOCCO GENERALE DEGLI INVESTIMENTI I

La volontà del Governo di introdurre un limite dell’1% alla deducibilità del costo per l'ammortamento finanziario dei beni gratuitamente devolvibili rischia di generare un blocco generale degli investimenti nel settore autostradale, penalizzando fortemente lo sviluppo del sistema infrastrutturale del Paese...........

07 ottobre 2019

AISCAT NON FISSA LE COMMISSIONI DI TELEPEDAGGIO

In relazione all’articolo pubblicato sull’edizione odierna di Repubblica Affari e Finanza, sul telepedaggio, dal titolo “Unipol &C alla sfida del Telepass”, l’AISCAT deve sottolineare l’inesattezza di quanto riportato......

25 giugno 2019

AISCAT: ATTENDIAMO DI ESSERE CONVOCATI DAL GOVERNO

Aiscat ha già espresso la propria opinione circa la illegittimità dell’intervento di ART rispetto ai principi europei e ad una generale non trasparenza degli effetti della recente delibera sulla regolamentazione delle concessioni autostradali. Pur apprezzando le riflessioni del Presidente Camanzi nelle quali si chiarisce che ”non vi sono - né vi potrebbero essere – modifiche unilaterali dei contratti”, tuttavia attendiamo di essere convocati dal Governo per capire cosa intende proporre alle concessionarie e come intende realizzarlo, per rispettare il sano principio della non modificabilità unilaterale dei contratti... ...

20 giugno 2019

AISCAT:DELIBERA ART E’ ATTO “BLOCCA-CANTIERI”. COSI’ SI FERMANO TUTTI GLI INVESTIMENTI GIA’ PROGRAMMATI NEL SETTORE AUTOSTRADALE

Esprimiamo la nostra più grande preoccupazione e la ferma opposizione alle deliberazioni sui sistemi tariffari delle concessioni autostradali comunicate oggi dall’ART, all’esito di una consultazione meramente formale nella quale è stato chiesto ai concessionari di riempire un formulario con proprie osservazioni, senza possibilità (nonostante le nostre richieste) di un reale confronto, peraltro dovuto trattandosi di modifiche unilaterali a contratti di durata. La procedura di consultazione - contro la quale hanno fatto ricorso tutti i concessionari interessati, pubblici e privati, aderenti ad AISCAT - e soprattutto gli esiti della procedura stessa vìolano i più basilari principi giuridici della certezza dei contratti e delle regole stabiliti sia a livello comunitario che nazionale, indebolendo fortemente l’immagine di affidabilità del sistema Italia...

17 gennaio 2019

Rinnovo del Protocollo d'intesa istitutivo dell’”Osservatorio nazionale sui furti e le rapine in danno di autotrasportatori”

Sottoscritto il rinnovo del protocollo d’intesa istitutivo dell’”Osservatorio nazionale sui furti e le rapine in danno di autotrasportatori” promosso da Ministero dell’Interno – Dipartimento della Pubblica Sicurezza, Comitato Centrale per l’Albo nazionale degli autotrasportatori, A.N.A.S. S.p.A., A.I.S.C.A.T. ed ANIA....

08 gennaio 2019

AISCAT / Superstrada Pedemontana Veneta: la verità

A commento degli articoli di stampa sul tema dell'apertura all'esercizio della Superstrada Pedemontana Veneta, l'AISCAT ritiene opportuno chiarire gli aspetti fondamentali della questione. Prima di tutto, le modalità di interconnessione nell'esazione dei pedaggi non sono una responsabilità di Autostrade per l’Italia, in quanto la rete autostradale italiana a pedaggio è costituita da oltre venti concessioni, gestite da diverse società concessionarie che hanno da decenni condiviso le modalità di esazione per consentire agli utenti di non doversi fermare al termine di ogni tratto in concessione per il pagamento del pedaggio; soluzione questa peraltro esplicitamente richiesta dalla legge 531 del 12 agosto 1982. Gli accordi, le procedure e le specifiche tecniche sulla base delle quali queste modalità di esazione sono basate sono state condivise ed approvate dalle Istituzioni concedenti (l'ANAS fino al passaggio del ruolo di concedente al MIT) con le quali il dialogo è continuo; al momento sono in corso con il concedente MIT le interlocuzioni per ulteriori allineamenti del sistema a norme UE. ...