Homepage English Version FAQ Link Utili Carta della sicurezza Contatti
Aiuto?
Chi è l'Aiscat
Le Associate
News
News recenti
Archivio 2016
Archivio 2015
Archivio 2014
Archivio 2013
Archivio 2012
Archivio 2011
Archivio 2010
Archivio 2009
Archivio 2008
Archivio 2007
Archivio 2006
Archivio 2005
Archivio 2004
Archivio 2003
Archivio 2002
Pubblicazioni
Notizie dall'Europa
Eventi
asecap
IBTTA
reets
easyway
Soccorso Meccanico
Contact Center
Io Non Rischio
 
22 novembre 2016

MOBILITA’ ELETTRICA: ENEL E AISCAT FIRMANO PROTOCOLLO D’INTESA PER UNA RETE DI RICARICA VELOCE IN AUTOSTRADA

L’accordo prevede la costituzione di tavoli di lavoro congiunti tra ENEL, AISCAT e le singole concessionarie per definire modalità di sviluppo della mobilità elettrica sulla rete autostradale, le tecnologie più idonee, la loro localizzazione più adeguata e per sviluppare nuovi servizi per i clienti finali.

Il programma, che fa leva anche sul progetto EVA+, prevede l’installazione di infrastrutture di ricarica veloce lungo la rete autostradale nazionale a pedaggio. Le prime installazioni inizieranno nel 2017

Le aree di servizio verranno individuate partendo da una lista di stazioni di servizio presenti nei corridoi autostradali definiti dall’Unione Europea e concordata con l’AISCAT

La sperimentazione, di cui Enel è coordinatore ed AISCAT principale stakeholder strategico, servirà a dare supporto alla crescita del mercato dei veicoli elettrici nell’ottica dello sviluppo sostenibile del settore dei trasporti

Enel e AISCAT hanno siglato un Protocollo d’intesa per avviare un tavolo di lavoro congiunto sulla mobilità elettrica lungo la rete autostradale nazionale a pedaggio. L’accordo, firmato da Livio Gallo, Responsabile Infrastrutture e Reti Enel, e da Massimo Schintu, Direttore Generale AISCAT, prevede l’avvio di un programma di sperimentazione strategica, tecnologica e logistica di una rete di infrastrutture di ricarica elettrica veloce in aree di servizio. La sperimentazione durerà circa 3 anni e comprenderà sia una fase di studi ed analisi, sia una fase realizzativa pilota sul campo.

Con questa iniziativa Enel ed AISCAT, nell’ottica dello sviluppo sostenibile del settore dei trasporti, intendono dare pieno supporto al nascente mercato dei veicoli elettrici che presenta grandi potenzialità in termini di riduzione dell’inquinamento atmosferico. La rete autostradale, essendo per sua natura un circuito chiuso costantemente monitorabile, rappresenta lo scenario ideale per testare un programma nel campo della mobilità elettrica sulle lunghe percorrenze, favorendo il superamento del concetto di utilizzo del veicolo elettrico esclusivamente in ambito urbano.

Le aree di servizio dove saranno installate le infrastrutture di ricarica verranno individuate dalle singole concessionarie autostradali in collaborazione con Enel ed AISCAT, partendo inizialmente dalla lista di stazioni approvate dall’Unione Europea nell’ambito del progetto EVA+. Le prime installazioni inizieranno nel 2017.

Inoltre AISCAT con l’aiuto dell’esperienza ENEL approfondirà la possibilità di sviluppare l’impiego estensivo di energie rinnovabili nell’ambito della rete autostradale, con particolare riferimento al settore delle aree di servizio.

Ad oggi, in Italia sono presenti prevalentemente installazioni di ricarica in corrente alternata dislocate in ambito urbano. Le infrastrutture di ricarica veloce in corrente continua - similari a quelle del progetto ENEL AISCAT - sono ad oggi molto poche e isolate. Per cogliere l’opportunità di incrementare sensibilmente questa rete, il gruppo Enel ha partecipato alla Call europea ‘Connecting Europe Facility, Transport Multi-Annual Call’ che il Gruppo elettrico si è aggiudicato proponendo il progetto pilota EVA+ (Electric Vehicle Arteries) che prevede 180 stazioni di ricarica veloce di tecnologia Enel sul territorio italiano e 20 sul territorio austriaco.

Le colonnine di ricarica saranno del tipo Fast Recharge Plus, una tecnologia interamente sviluppata da Enel che permette di ricaricare in 20-30 minuti secondo gli standard tecnologici vigenti due veicoli in contemporanea. È un'infrastruttura compatibile con tutte le auto del settore attualmente presenti sul mercato che riduce i tempi di ricarica, ampliando significativamente il potenziale di utilizzo del vettore elettrico.

<< news precedentinews successive >>