Homepage English Version FAQ Link Utili Carta della sicurezza Contatti
Aiuto?
Chi è l'Aiscat
Le Associate
News
News recenti
Archivio 2016
Archivio 2015
Archivio 2014
Archivio 2013
Archivio 2012
Archivio 2011
Archivio 2010
Archivio 2009
Archivio 2008
Archivio 2007
Archivio 2006
Archivio 2005
Archivio 2004
Archivio 2003
Archivio 2002
Pubblicazioni
Notizie dall'Europa
Eventi
estate 2017
asecap
IBTTA
Io Non Rischio
Contact Center
 Osservatorio Furti e rapine agli autotrasportatori
Soccorso Meccanico
reets
easyway
 
03 febbraio 2008

AISCAT: DI DUBBIA VALIDITA' L'ANALISI DI EUROTAP

L'AISCAT contesta la scientificità e la validità del metodo; Eurotap d'altro canto si è sempre sottratta al confronto

Riguardo le pagelle che Eurotap pretende di assegnare alle gallerie stradali, l'Aiscat attende ancora di poter avviare un dialogo, da tempo richiesto, sui contenuti delle metodologie d'indagine che Eurotap adotta.Senza tale dialogo l'Aiscat non ritiene appropriato consentire analisi e giudizi da parte di un'organizzazione che si avvale di una metodologia priva di avallo tecnico da parte degli esperti di ingegneria stradale, che il PIARC -l'associazione mondiale della strada- giudica priva di validità scientifica e che, a quanto risulta, è stata redatta da uno società privata che costruisce gallerie e impianti per gallerie, sollevando il legittimo sospetto che indebiti interessi di mercato, piuttosto che la protezione dei cittadini, siano alla base di questa iniziativa.

Le gallerie della rete autostradale italiana a pedaggio presentano livelli di incidentalità e di mortalità decisamente inferiori ai tratti non in galleria, e presentano caratteristiche assolutamente in linea con le normative vigenti, verificate dai controlli previsti per legge, ai quali nessun ente privato può pretendere di sostituirsi.

Riguardo la conformità con la Direttiva Europea 2004/54, l'Italia è stato uno dei primi Paesi europei a recepirla e ad avviare le attività di verifica ed aggiornamento della sua rete, e le autostrade a pedaggio italiane hanno tutte avviato piani di adeguamento che permetteranno di terminare i relativi interventi ben prima delle scadenze normativamente fissate, ciò nonostante la quantità di gallerie italiane, oltre il 50% del totale UE, richieda di lavorare minimizzando i disturbi al traffico.
A questo riguardo va anche sottolineato che, come emerso in sede PIARC, gallerie completamente rispondenti alla Direttiva europea potrebbero risultare, secondo la metodologia Eurotap, insoddisfacenti, con buona pace delle evidentemente millantate 'affidabilità e scientificità della metodologia di analisi.

Aiscat conferma che le autostrade italiane a pedaggio sono disponibili ad un dialogo serio sul tema, se basato su criteri scientifici e di rispetto dei rispettivi ruoli e prerogative.

Eurotap si è sempre sottratta a questo confronto.

<< news precedentinews successive >>