Homepage English Version FAQ Link Utili Carta della sicurezza Contatti
Aiuto?
Chi è l'Aiscat
Le Associate
News
News recenti
Archivio 2016
Archivio 2015
Archivio 2014
Archivio 2013
Archivio 2012
Archivio 2011
Archivio 2010
Archivio 2009
Archivio 2008
Archivio 2007
Archivio 2006
Archivio 2005
Archivio 2004
Archivio 2003
Archivio 2002
Pubblicazioni
Notizie dall'Europa
Eventi
asecap
IBTTA
Io Non Rischio
Contact Center
 Osservatorio Furti e rapine agli autotrasportatori
Soccorso Meccanico
reets
easyway
 
21 novembre 2008

AISCAT: STUPORE E PREOCCUPAZIONE PER NOTIZIE STAMPA SU BLOCCO TARIFFE

SENZA CERTEZZA TARIFFARIA CADONO I CONTRATTI E NON SI FANNO INVESTIMENTI!!

L’AISCAT, in merito alle notizie circolate dalla stampa in questi giorni su una presunta volontà del Governo di imporre un blocco autoritativo degli adeguamenti tariffari previsti contrattualmente per il 2009, esprime la più viva preoccupazione per quella che, eventualmente, si configurerebbe come una aperta violazione contrattuale.
L’AISCAT ritiene, infatti, che queste notizie non possano che risultare destituite di qualsiasi fondamento, essendo evidente che il Governo non può pensare di non adempiere a contratti che, in molti casi, sono stati approvati per legge solo cinque mesi fa.

Si tratterebbe di aumenti che porterebbero a circa 130 milioni di maggiori entrate al lordo delle tasse (meno di 80 netti), a fronte di un aggravio per l’utenza superiore ai 220 milioni a causa di IVA e sovrapprezzi in favore dell’ANAS.

E ciò proprio in un momento in cui risulta indispensabile proseguire sulla via degli investimenti infrastrutturali di cui sono cardine le concessionarie autostradali con programmi di investimento complessivi per più di 43 miliardi di euro tra nuovi investimenti e manutenzioni.

tab.jpg
(€/1.000)

L’AISCAT, le cui Associate quotate in Borsa sono state contattate per chiarimenti in merito alla vicenda, già in mattinata, dalle autorità di Borsa, esprime seria preoccupazione per il sistema concessorio e le opere ad esso affidate.

<< news precedentinews successive >>