Homepage English Version FAQ Link Utili Carta della sicurezza Contatti
Aiuto?
Chi è l'Aiscat
Le Associate
News
News recenti
Archivio 2016
Archivio 2015
Archivio 2014
Archivio 2013
Archivio 2012
Archivio 2011
Archivio 2010
Archivio 2009
Archivio 2008
Archivio 2007
Archivio 2006
Archivio 2005
Archivio 2004
Archivio 2003
Archivio 2002
Pubblicazioni
Notizie dall'Europa
Eventi
estate 2017
asecap
IBTTA
Io Non Rischio
Contact Center
 Osservatorio Furti e rapine agli autotrasportatori
Soccorso Meccanico
reets
easyway
 

D

AISCAT: la verità sui pedaggi autostradali

 

In merito al comunicato odierno sui pedaggi autostradali, diffuso da alcune associazioni di consumatori secondo cui “gli aumenti reali di molte tratte, in tutta Italia, variano dal 10 al 20 %”, si sottolinea come solo lo 0,22% dei 65.685 percorsi possibili ha subito un aumento al casello superiore al 10%.

Ciò in virtù della differenziazione delle variazioni tariffarie sulle diverse competenze e dell’arrotondamento dovuto per legge.

I pedaggi autostradali risultano, infatti, dall'applicazione delle tariffe unitarie chilometriche su ciascun percorso, comprensive della maggiorazione dei sovrapprezzi di legge e dell'IVA, con un arrotondamento finale in eccesso o in difetto ai 10 centesimi ai sensi del decreto 12 novembre 2001 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

L’attuale sistema di arrotondamento dei pedaggi è nato dalla nella fase di passaggio delle tariffe da lire ad Euro, mantenendo un fattore di precisione alla quinta cifra decimale nella conversione e, in quanto applicato in difetto o in eccesso, neutro ai fini di quanto corrisposto complessivamente dagli utenti.

Tutti i maggiori Paesi europei dotati di rilevanti reti autostradali a pedaggio - in particolare Francia, Spagna e Grecia - effettuano un arrotondamento dei pedaggi a 10 centesimi di euro.

In ragione di quanto sopra l’incremento medio (e in quanto medio composto di valori maggiori e minori) sull’intera rete a pedaggio risulta pari al 2,39% mentre le variazioni sul complessivo delle possibili relazioni entrata/uscita sono riassunte nella tabella che segue.

Ripartizione dei pedaggi in funzione delle percentuali di aumento registrate

sul totale delle percorrenze possibili sull’intera rete

 

 

pedaggi di classe 'A'  (autovetture e motocicli)

 

 

 

 

 

n° percorsi

% sul totale

 

Aumento al casello

uguale a zero

 

1.488

2,27%

 

Aumento al casello

compreso tra 0,01 % e 0,99%

50

0,08%

 

Aumento al casello

compreso tra 1 % e 1,99%

9.689

14,75%

 

Aumento al casello

compreso tra 2 % e 2,99%

43.277

65,89%

 

Aumento al casello

compreso tra 3 % e 3,99%

7.949

12,10%

 

Aumento al casello

compreso tra 4 % e 4,99%

1.990

3,03%

 

Aumento al casello

compreso tra 5 % e 9,99%

1.097

1,67%

 

Aumento al casello

maggiore di 10%

 

145

0,22%

 

 

totale

 

 

65.685

 

 

Infine sembra opportuno sottolineare che ben 688 possibili percorsi non subiscono incrementi dal 2004.

 

<< news precedentinews successive >>