Homepage English Version FAQ Link Utili Carta della sicurezza Contatti
Aiuto?
Chi è l'Aiscat
Le Associate
News
News recenti
Archivio 2016
Archivio 2015
Archivio 2014
Archivio 2013
Archivio 2012
Archivio 2011
Archivio 2010
Archivio 2009
Archivio 2008
Archivio 2007
Archivio 2006
Archivio 2005
Archivio 2004
Archivio 2003
Archivio 2002
Pubblicazioni
Notizie dall'Europa
Eventi
asecap
IBTTA
Io Non Rischio
Contact Center
 Osservatorio Furti e rapine agli autotrasportatori
Soccorso Meccanico
reets
easyway
 

COMUNICATO STAMPA

Roma, 18 febbraio 2004

IL PRESIDENTE DELL’AISCAT PALENZONA: 81 DECESSI IN MENO NEL 2003 SULLA RETE AUTOSTRADALE A PEDAGGIO

L’AISCAT (Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori) comunica che i dati di preconsuntivo relativi al 2003 confermano la significativa diminuzione dell’incidentalità sulle autostrade in concessione.

Infatti tutti gli indicatori si presentano in netto calo rispetto all’anno precedente:

tasso di incidentalità complessiva

-12,7%

tasso di incidentalità mortale

-12,9%

tasso di ferimenti

-11,5%

tasso di mortalità

-14,5%

Questi dati sintetici si riferiscono al numero di avvenimenti correlato al traffico e rappresentano l’effettivo andamento del "rischio autostrada" ma i numeri assoluti, disaggregati tra primo e secondo semestre, sono anch’essi estremamente significativi in quanto evidenziano come il positivo effetto dell’introduzione della patente a punti si sia innestato su di una situazione già molto positiva.

 

1° semestre 2003

2° semestre 2003

incidenti totali

-5,4%

-14,5%

incidenti mortali

-11,9%

-15,6%

persone ferite

+1,1%

-19,2%

persone decedute

-13,4%

-17,0%

Il presidente Palenzona sottolinea come l’impegno, la professionalità ed il costante flusso di investimenti abbia reso possibile il concretizzarsi di risultati così positivi, ad ulteriore conferma dell’efficacia dei meccanismi della concessione autostradale, ma segnala la necessità, per non vedere diluito nel tempo l’effetto deterrente della patente a punti che si mantenga alta l’attenzione dei media e si rafforzi il sistema dei controlli.

<< news precedentinews successive >>