Homepage English Version FAQ Link Utili Carta della sicurezza Contatti
Aiuto?
Chi è l'Aiscat
Le Associate
News
News recenti
Archivio 2016
Archivio 2015
Archivio 2014
Archivio 2013
Archivio 2012
Archivio 2011
Archivio 2010
Archivio 2009
Archivio 2008
Archivio 2007
Archivio 2006
Archivio 2005
Archivio 2004
Archivio 2003
Archivio 2002
Pubblicazioni
Notizie dall'Europa
Eventi
estate 2017
asecap
IBTTA
Io Non Rischio
Contact Center
 Osservatorio Furti e rapine agli autotrasportatori
Soccorso Meccanico
reets
easyway
 

PALENZONA, AISCAT: SICUREZZA E GRANDI OPERE

Roma, 29 luglio 2004

 

PALENZONA, AISCAT: SICUREZZA E GRANDI OPERE

 

“Sicurezza sulle autostrade e grandi opere sono le priorità assolute delle 23 concessionarie autostradali aderenti all’Aiscat.”

Cosi il Presidente Fabrizio Palenzona in occasione dell’Assemblea Annuale dell’Aiscat.

Nell’intervento il Presidente ha ricordato come il nostro paese sia lontano da livelli di infrastruttrazione adeguati ad una realtà industriale avanzata.

 

“Utilizzando i dati OCSE è infatti facile verificare che il livello di dotazione di infrastrutture riscontrato nel 1985 tra i primi dieci paesi della allora CEE è rimasto più o meno uguale rispetto a quello rilevato nel 2000, cioè dopo 15 anni.

Ciò che preoccupa di più è che il livello medio di infrastrutturazione è chiaramente inferiore alla media comunitaria sia nell’85 sia nel 2000, e soprattutto il ritardo è rilevante nei confronti dei principali partners europei. E per questo è necessario che gli operatori privati insieme al governo e agli organi pubblici si impegnino con forza per migliorare questa situazione”.

 

“La sicurezza sulle strade - prosegue Palenzona - è l’altro grande tema su cui tutti gli attori in causa sono chiamati a fare la loro parte. E’ una esigenza legittima dei cittadini e dei professionisti dell’autotrasporto. Ricordo oltretutto che il costo sociale complessivo degli incidenti stradali nel 2003 è stato pari a 22 mila 700 milioni di euro, ovvero circa 100.000 per incidente, ed oltre il 55% di tale incidentalità avviene in ambito urbano. Questa è una battaglia che si può vincere solo con la mobilitazione di tutti i soggetti interessati e con il rispetto delle regole, non affidandosi a illusioni taumaturgiche di qualche singolo provvedimento. L’Aiscat vuole essere parte attiva di questo processo”.

<< news precedentinews successive >>