Homepage English Version FAQ Link Utili Carta della sicurezza Contatti
Aiuto?
Chi è l'Aiscat
Le Associate
News
News recenti
Archivio 2016
Archivio 2015
Archivio 2014
Archivio 2013
Archivio 2012
Archivio 2011
Archivio 2010
Archivio 2009
Archivio 2008
Archivio 2007
Archivio 2006
Archivio 2005
Archivio 2004
Archivio 2003
Archivio 2002
Pubblicazioni
Notizie dall'Europa
Eventi
estate 2017
asecap
IBTTA
Io Non Rischio
Contact Center
 Osservatorio Furti e rapine agli autotrasportatori
Soccorso Meccanico
reets
easyway
 

27 giugno 2003

27 giugno 2003

 

DIVIETI DI SORPASSO TRA MEZZI PESANTI SULLA TRATTA AUTOSTRADALE TRIESTE-VENEZIA (A4)

 

 

La Autovie Venete S.p.A. introdurrà dal prossimo 1° luglio, sull'autostrada A4 tra Trieste e Venezia, il divieto di sorpasso tra mezzi pesanti.

 

Il divieto sarà in vigore dalle 06.00 alle 19.00, e riguarderà tutti i mezzi pesanti con peso superiore alle 12 tonnellate, i quali non potranno effettuare la manovra di sorpasso in tre precise tratte della autostrada A4.

 

Precisamente le tratte sottoposte a divieto di sorpasso saranno:

 

Procedendo da Trieste in direzione Venezia:

  • dal casello di San Giorgio di Nogaro (Porpetto) km 84, all'Area di Servizio di Fratta Nord km 61;
  • dall'Area Servizio di Fratta Nord km 53, all'Area di Servizio di Calstorta Nord km 37;
  • dall'Area di Servizio di Calstorta Nord km 33 a Quarto d'Alfino km 13.

 

Procedendo da Venezia in direzione Trieste:

  • da Quarto d'Altino km 14 all'Area di Servizio dì Calstorta Sud km 33;
  • dall'Area di Servizio di Calstorta Sud km 38 all'Area di Servizio di Fratta Sud km 54;
  • dall'Area di Servizio di Fratta Sud km 63 a San Giorgio di Nogaro km 85;

 

La rete gestita da Autovie Venete ha raggiunto (dati 2002) una media di 100.000 veicoli giornalieri di cui circa il 30% è rappresentato da traffico pesante. Nel 2002, rispetto all'anno precedente, il traffico pesante sulla rete Autovie Venete è aumentato dì circa il 5%, un andamento che sull'intera rete nazionale, nello stesso periodo, ha registrato un aumento del 3.2%.

 

Il divieto, autorizzato nei giorni scordi dell'Anas, è stato introdotto a seguito dell'intesa avvenuta tra Autovie Venete e Federazione regionale Piccole e medìe Imprese, Federazione regionale Artigiani ‑ Confartigianato, Confindustria ‑ Federazione regionale degli Industriali, FITA CNA, Associazione regionale Autotrasportatori FAIConftrasporto.

 

<< news precedentinews successive >>