Homepage English Version FAQ Link Utili Carta della sicurezza Contatti
Aiuto?
Chi è l'Aiscat
Le Associate
News
News recenti
Archivio 2016
Archivio 2015
Archivio 2014
Archivio 2013
Archivio 2012
Archivio 2011
Archivio 2010
Archivio 2009
Archivio 2008
Archivio 2007
Archivio 2006
Archivio 2005
Archivio 2004
Archivio 2003
Archivio 2002
Pubblicazioni
Notizie dall'Europa
Eventi
estate 2017
asecap
IBTTA
Io Non Rischio
Contact Center
 Osservatorio Furti e rapine agli autotrasportatori
Soccorso Meccanico
reets
easyway
 

Roma, 27 giugno 2003

27 giugno 2003

 

Traffico e sicurezza sulla rete italiana a pedaggio

 

 

L'AISCAT (Associazione Italiana delle Società Concessionarie di Autostrade e Trafori), in riferimento alle dichiarazioni diramate oggi da Legambiente che presentano una classificazione inappropriata delle arterie stradali italiane in termini di sicurezza, precisa che i dati presentati da Legambiente fanno riferimento ad un parametro, quello della incidentalità per km, non significativo in termini di analisi della sicurezza stradale, in quanto completamente avulso dalle quantità di traffico presenti sulla strada, elemento invece fondamentale.

L’incidentalità per km è un parametro non utilizzato nelle statistiche internazionali, che fanno invece riferimento al tasso di incidenti riferito ai chilometri percorsi dai veicoli circolanti sull’arteria stradale in esame.

Una corretta analisi che si riferisca ai parametri internazionalmente accettati presenta risultati ben diversi, ove i dati riferiti alle autostrade italiane in concessione, che vengono rilevati dalla Polizia Stradale, configurano uno scenario notevolmente diverso da quello presentato.

Ad esempio, il dato relativo alla mortalità sulla citata Tangenziale di Napoli, se correttamente riferito ai volumi di traffico, presenta nell’anno 2001 un tasso di 3,9 decessi per miliardo di km percorsi, che è al di sotto non solo della media nazionale ma anche dei dati relativi ai maggiori Paesi europei.

Come poi confermato dalla tabella riportata risulta che, sulla rete autostradale a pedaggio, sia il tasso di mortalità che il numeri dei decessi dal 1992 al 2001 sono diminuiti in misura ben maggiore del 10% indicato da Legambiente.

Da notare infine, quanto alla sinistrosità sulle autostrade a pedaggio, che un miglioramento deciso si riscontra negli ultimi anni, grazie al quotidiano, forte impegno delle Concessionarie di autostrade, frutto di una specifica politica industriale retta da cospicui e continui investimenti. E ciò senza dimenticare la elevata professionalità da sempre espressa dal Comparto proprio nel campo della sicurezza stradale.

 

TRAFFICO E SICUREZZA SULLA RETE AUTOSTRADALE A PEDAGGIO

 

Estesa (1)

Veicoli-km

Morti

Tasso di mortalità

 

km

(milioni)

 

(per mld km percorsi)

1992

5.172

55.333

773

14,0

1993

5.278

56.091

663

11,8

1994

5.312

58.025

615

10,6

1995

5.368

59.726

608

10,2

1996

5.372

60.799

619

10,2

1997

5.371

63.199

654

10,3

1998

5.380

65.983

658

10,0

1999

5.380

68.129

677

9,9

2000

5.380

70.394

589

8,4

2001

5.388

73.143

598

8,2

(1) Lunghezza della rete soggetta a rilevamento

 

<< news precedentinews successive >>