Homepage English Version FAQ Link Utili Carta della sicurezza Contatti
Aiuto?
Chi è l'Aiscat
Le Associate
News
News recenti
Archivio 2016
Archivio 2015
Archivio 2014
Archivio 2013
Archivio 2012
Archivio 2011
Archivio 2010
Archivio 2009
Archivio 2008
Archivio 2007
Archivio 2006
Archivio 2005
Archivio 2004
Archivio 2003
Archivio 2002
Pubblicazioni
Notizie dall'Europa
Eventi
asecap
IBTTA
Io Non Rischio
Contact Center
 Osservatorio Furti e rapine agli autotrasportatori
Soccorso Meccanico
reets
easyway
 

News e Comunicati

Roma, 15 maggio 2002

Audizione aiscat presso la 8a commissione "lavori pubblici e comunicazioni" del senato in materia di sicurezza stradale

L'alto livello di sicurezza della rete autostradale a pedaggio risulta inequivocabilmente dai dati presentati da una delegazione dell'AISCAT (Associazione Italiana Società Concessionarie di Autostrade e Trafori) guidata dal Presidente Prof. Giancarlo Elia Valori, accompagnato dai Vicepresidenti Baudone e Willeit e dal Consigliere Gamberale, durante una audizione presso la 8a Commissione del Senato.

Infatti, l'ultima relazione del Governo al Parlamento riporta, in sintesi: gli incidenti con morti e con feriti avvengono rispettivamente 5 ed 11 volte di più in città rispetto all'autostrada. Inoltre in autostrada si riscontrano rispettivamente 2 volte ed 1,5 volte meno morti e feriti rispetto alle strade statali.
La stessa relazione riporta inoltre che: "E' degno di nota il fatto che l'indice di pericolosità del sistema autostradale risulti notevolmente più basso di quello delle strade provinciali e statali, nonostante la velocità dei veicoli su questo tipo di infrastruttura sia tendenzialmente più elevata e i valori del traffico particolarmente intensi. Il dato appare evidenziare una cura particolare per la sicurezza stradale su questo tipo di infrastruttura."
L'affermazione secondo cui il nostro Paese risulti tra i più pericolosi d'Europa, in quanto a circolazione stradale, non ha validità statistica, se si considerano i morti in rapporto ai veicoli circolanti, dove l'Italia in generale si trova in trend di diminuzione e, per di più, in posizione ottima rispetto le nazioni europee più sviluppate.

<< news precedentinews successive >>